loading

Valutazioni di Impianti Industriali e Macchinari

VALUTAZIONI DI IMPIANTI INDUSTRIALI E MACCHINARI

Le valutazioni di impianti, macchinari e, più in generale, di immobilizzazioni tecniche vengono effettuate in molteplici circostanze, alcune delle quali richieste nell’ambito delle seguenti operazioni di natura straordinaria:

  • trasferimento della proprietà ad un altro soggetto (cessioni, fusioni, scorpori, conferimenti ecc.);
  • verifica dello stato patrimoniale (rivalutazioni monetarie od economiche, attribuzione alle immobilizzazioni tecniche del disavanzo di fusione, costituzione di garanzie, certificazioni di bilancio, ecc…);
  • confronto fra varie alternative derivanti dall’utilizzo di diverse politiche di bilancio (determinazione delle vite utili, simulazione degli effetti della scelta dei diversi metodi di ammortamento sui risultati economici, conseguenze fiscali dovute all’alienazione dei beni, ecc…);
  • valutazione di aziende o di suoi rami;
  • ricostruzione o disaggregazione del costo storico di particolari classifiche fiscali.

A seconda degli obiettivi dell’intervento, in un’ottica esclusivamente patrimoniale, si possono identificare varie ipotesi di valore:

  • Valore Attuale in Uso, che rappresenta l’investimento odierno necessario per realizzare − con materiali e tecnologie moderne − il complesso dei beni stimati, al netto del deprezzamento fisico e dell’obsolescenza funzionale. Esso quindi non rappresenta un valore di scambio, bensì il valore attribuibile nell’ipotesi di industria operante, presupponendo un’equa redditività.
  • Valore di Mercato, che esprime − al contrario della precedente ipotesi − il corrispettivo ottenibile in ipotesi di cessione, presupponendo un periodo di tempo sufficiente a concludere la transazione a condizioni correnti di mercato. Tale configurazione di valore quindi, oltre ai fattori precedentemente menzionati, prende in considerazione anche l’appetibilità commerciale del bene.
  • Valore di liquidazione, che viene adottato nella ipotesi di cessazione dell’attività aziendale, di richieste di garanzie, di realizzo forzato dei beni o di prolungate prospettive di redditività insufficienti. Rappresenta il valore minimo assegnabile ai cespiti e presuppone l’interesse comunque di intermediari o di utilizzatori alternativi.
Chiudere
loading...