INTRODUZIONE

La direttiva 2012/27/UE definisce l’Audit Energetico come “una procedura sistematica finalizzata a ottenere un’adeguata conoscenza del profilo di consumo energetico di un impianto industriale o commerciale o di servizi pubblici o privati, a individuare e quantificare le opportunità di risparmio energetico sotto il profilo costi-benefici e a riferire in merito ai risultati”.

L’audit energetico è quindi una procedura di analisi che mira a rilevare i consumi energetici di un edificio o un’impresa, di un impianto industriale o un’attività, con il fine di misurarne l’utilizzo di energia e permettere l’individuazione di possibili interventi di efficientamento e di risparmio.

Le normative di riferimento sono il DLgs del 4 luglio 2014, n. 102, e, in senso più ampio, la Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica.

SOGGETTI INTERESSATI ALL’ AUDIT ENERGETICO

La normativa prevede che le grandi imprese e le imprese definite “energivore” siano obbligate ad effettuarlo, ogni 4 anni.

Per grandi imprese si intendono tutte quelle con oltre 250 dipendenti, con un fatturato annuo superiore a 50 milioni di euro e a partire dai 43 milioni di euro in attivo.

Sono considerate energivore, invece, tutte quelle imprese che hanno consumi elevati (maggiore o uguale a 1 GWh) di energia elettrica, con una forte incidenza sul proprio fatturato. In Italia sono circa 3.000 le imprese che ricadono in questa categoria.

Può decidere di realizzare una diagnosi energetica volontaria, anche le piccole e medie imprese. Al di là degli obblighi normativi, l’effettuazione degli audit energetici rappresenta, infatti, un valido strumento anche per piccole e medie imprese che, ad esempio, possono individuare eventuali sprechi o perdite di energia, capire come migliorare i processi produttivi, ed eventualmente valutare l’approvvigionamento da fonti rinnovabili.

Ridurre l’impatto ambientale delle attività svolte dalla propria azienda, porta senza dubbio all’incremento la fiducia dei propri stakeholder e dimostra l’impegno profuso per la sostenibilità.

VANTAGGI

I vantaggi di un audit energetico risiedono nella possibilità di azioni che le organizzazioni possono decidere di adottare, in seguito all’audit stesso:

• Redazione di un bilancio energetico dell’edificio, dell’impianto produttivo o dell’azienda;

• Dati realistici e aggiornati che rendono possibili per le aziende la definizione di interventi e operazioni di efficientamento energetico;

• Implementazione di sistemi di monitoraggio e misurazione dei consumi;

• Riduzione dei consumi e dei i costi;

• Ottimizzazione dei processi produttivi;

• Riduzione dell’impatto ambientale;

• Miglioramento dell’immagine aziendale.

CLICCA QUI SOTTO SULL’AREA DI TUO INTERESSE PER APPROFONDIRE

IMMOBILI IMPIANTI

SINTESI DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI

Gli ispettori ASACERT condurranno uno o più sopralluoghi tecnici, avvalendosi del supporto di strumentazione specialistica come la termocamera, il termo flussimetro, gli igrometri e il Blowerdoor, tra gli altri.

Gli obiettivi saranno molteplici:

• definire lo stato di fatto dell’immobile

• valutare le caratteristiche e le funzionalità delle diverse aree dell’edificio

• stimare le stratigrafie delle strutture disperdenti

• valutare eventuali interventi di manutenzione richiesti

• visionare la centrale termica, i gruppi frigo e i relativi impianti di distribuzione, regolazione ed emissione

• valutare eventuali interventi di riqualificazione energetica precedentemente eseguiti

• acquisire i consumi dei diversi vettori energetici dell’edificio (gas metano, energia elettrica)

Alle verifiche in campo seguirà poi una fase di elaborazione dei dati e del materiale acquisiti, con il fine di:

• valutare il fabbisogno energetico complessivo

• validare le fatture di energia elettrica e gas metano

• stimare la spesa energetica complessiva annua

La fase di audit può essere inoltre approfondita richiedendo, come servizio aggiuntivo, l’installazione di una rete di sensori mirata a rilevare i consumi (energia elettrica, gas metano) puntuali dell’intera struttura e dei singoli impianti che maggiormente impattano sui costi energetici.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

1 – 2 settimane (senza installazione della rete di sensori).

COINVOLGIMENTO DI REFERENTI AZIENDALI

Si richiede, sia in fase di raccolta delle informazioni, sia di redazione del Rapporto Tecnico, la disponibilità di un responsabile della manutenzione degli impianti.

INDUSTRIALE GENERALE

Il servizio ha l’obiettivo di valutare gli attuali consumi energetici dei macchinari e degli impianti, di consentire all’organizzazione di identificare possibili interventi mirati a migliorare l’efficienza energetica e predisporre un’analisi costi benefici per gli interventi identificati.

SINTESI DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI

Il processo prevede:

  • La raccolta ed elaborazione delle bollette di energia elettrica, gas metano e acqua relative agli ultimi 12 mesi e delle informazioni relative a impianti ed utenze ritenuti particolarmente energivori, unitamente ai dati di produzione dell’azienda.
  • Interviste con alcune figure chiave dell’azienda per conoscere lo stato di fatto di impianti e macchinari, raccogliere eventuali segnalazioni di comportamenti anomali e avere un quadro generale dei principali processi produttivi aziendali al fine di correlarli ai consumi di energia.
  • Confronto del fabbisogno energetico con valori tipici del settore al fine di identificare trend e correlazioni con parametri endogeni ed esogeni, definiti con il Committente, che sarà in grado di identificare eventuali interventi sui macchinari e sugli impianti per l’ottimizzazione dei consumi energetici, con la relativa analisi costi benefici.
  • Un rapporto finale “Audit energetico dei consumi dell’Azienda” che sintetizzerà l’analisi condotta e i relativi risultati che saranno illustrati al Committente durante l’incontro di fine progetto.

La fase di audit può essere, inoltre, approfondita richiedendo, come servizio aggiuntivo, l’installazione di una rete di sensori mirata a rilevare i consumi (energia elettrica, gas metano) puntuali dell’intera struttura e dei singoli impianti che maggiormente impattano sui costi energetici.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

1 – 2 settimane (senza installazione della rete di sensori da considerarsi).

COINVOLGIMENTO DI REFERENTI AZIENDALI

Si richiede, sia in fase di raccolta delle informazioni sia di redazione del Rapporto Tecnico, la disponibilità di un responsabile della manutenzione degli impianti e dei macchinari.

INDUSTRIALE IMPIANTI DI SERVIZIO

Il servizio ha l’obiettivo di eseguire l’analisi dei differenti impianti utilizzati all’interno dell’azienda a servizio della produzione, quali ad esempio:

• Impianto di aria compressa

• Impianto di raffreddamento (Gruppi Frigoriferi)

• Gruppi U.T.A.

• Impianto di riscaldamento

Quanto sopra sarà necessario al fine di consentire all’organizzazione di identificare possibili azioni e interventi di razionalizzazione e ottimizzazione volti a migliorarne le prestazioni e quindi incrementarne l’efficienza sotto il profilo energetico.

SINTESI DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI

Per ciascuno degli impianti sopra elencati le attività prevedono:

• l’analisi delle caratteristiche dell’impianto, attraverso la valutazione della documentazione disponibile, al fine di verificarne il corretto dimensionamento in relazione alle esigenze aziendali. Qualora il Committente non abbia i dati dell’impianto, ASACERT, provvede anche alla preparazione degli schematici dell’impianto e loro settorializzazione;

• l’analisi delle modalità di utilizzo dell’impianto rispetto alle esigenze aziendali.

A completamento delle attività, per ciascuno degli impianti analizzati, sarà prodotto un Rapporto Tecnico con le evidenze raccolte, che sintetizzerà l’analisi condotta e i relativi risultati che saranno illustrati al Committente durante l’incontro di fine progetto.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

2 – 4 settimane, in funzione dei dati e della documentazione disponibile (senza installazione della rete di sensori).

COINVOLGIMENTO DI REFERENTI AZIENDALI

Si richiede la disponibilità del responsabile dell’impianto o della manutenzione dello stabilimento sia in fase di raccolta delle informazioni sia di redazione del Rapporto Tecnico.

INDUSTRIALE IMPIANTI DI PRODUZIONE

Il servizio ha l’obiettivo di eseguire l’analisi dei vari impianti/linee di produzione/macchinari presenti all’interno dell’azienda e ritenuti più energivori, al fine di consentire all’organizzazione di identificare possibili azioni e interventi di razionalizzazione e ottimizzazione mirati a migliorarne le prestazioni e quindi incrementarne l’efficienza sotto il profilo energetico.

SINTESI DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI

Per ciascuna delle differenti tipologie di linee di produzione o macchinari identificati e selezionati con il Committente, le attività prevedono l’analisi delle caratteristiche (raccolte attraverso la valutazione della documentazione disponibile e una serie di sopralluoghi) al fine di darne una valutazione sotto il profilo energetico mettendole in relazione con alcuni indici legati alla produzione aziendale.

A completamento delle attività, per ciascuno degli impianti analizzati, sarà prodotto un Rapporto Tecnico che sintetizzerà l’analisi condotta e i relativi risultati che saranno illustrati al Committente durante l’incontro di fine progetto.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

2 – 4 settimane, in funzione della tipologia della linea di produzione e della documentazione disponibile (senza installazione della rete di sensori).

COINVOLGIMENTO DI REFERENTI AZIENDALI

Si richiede, in fase sia di raccolta delle informazioni sia di redazione del Rapporto Tecnico, la disponibilità del responsabile dello stabilimento e/o del reparto/i produttivo/i.

MONITORAGGIO IN CAMPO DEI CONSUMI ELETTRICI AZIENDALI

Il servizio ha l’obiettivo di eseguire la diagnosi dei consumi energetici delle utenze elettriche maggiormente energivore presenti in Azienda, al fine di consentire all’organizzazione di identificare e verificare la possibilità di attuare possibili interventi mirati all’efficienza ed al risparmio energetico.

Questo servizio può essere erogato in combinazione con l’Audit Energetico oppure come singolo servizio di valutazione strumentale.

SINTESI DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI

Le attività previste includono:

• la raccolta dei dati di targa delle utenze elettriche analizzate;

• la raccolta di informazioni riguardanti le modalità di utilizzo delle utenze monitorate;

• la valutazione dei consumi registrati rispetto all’utilizzo dell’utenza analizzata.

A completamento delle attività sarà prodotto un Rapporto Tecnico che sintetizzerà l’analisi condotta e i relativi risultati che saranno illustrati al Committente durante l’incontro di fine progetto.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

Da 2-3 settimane a 2-4 mesi, in funzione del numero di utenze da monitorare e delle condizioni di monitoraggio (giorni feriali, festivi, pieno carico, bassa/alta stagione).
Alle Aziende i cui consumi di energia elettrica dipendono dai differenti periodi dell’anno si offre una campagna di misurazione pianificata su intervalli temporali discontinui al fine di definire il profilo dei consumi energetici, con puntualità, durante l’intero anno produttivo.

COINVOLGIMENTO DI REFERENTI AZIENDALI

Si richiede, in fase sia di raccolta delle informazioni sia di redazione del Rapporto Tecnico, la disponibilità di:

• elettricista e/o responsabile dell’impianto elettrico;

• responsabile dello stabilimento;

• responsabile della manutenzione.

MONITORAGGIO ALL’INFRAROSSO DEGLI APPARATI ERNERGETICI AZIENDALI E DEGLI EDIFICI

Il servizio ha l’obiettivo di eseguire il monitoraggio all’infrarosso degli apparati di produzione, distribuzione e utilizzo energetico dell’Azienda attraverso l’utilizzo di una termo camera al fine di identificare eventuali anomalie nei vari impianti e consentire all’organizzazione di valutare l’opportunità di intraprendere possibili interventi migliorativi.
Lo stesso servizio può focalizzarsi sull’involucro edilizio per valutarne le perdite.

Questo servizio può essere erogato in combinazione con l’Audit Energetico oppure come singolo servizio di valutazione strumentale.

SINTESI DELLE ATTIVITÀ E RISULTATI PREVISTI

Le attività prevedono:

• un sopralluogo finalizzato a rilevare la situazione generale;

• la realizzazione di misure del campo termico mediante termo camera, con produzione di immagini a colori nei settori elettrico, termico e frigorifero e architettonico;

• elaborazione numerica del campo termico rilevato al fine di quantificare dal punto di vista energetico ed economico la dispersione.

A completamento delle attività sarà prodotto un Rapporto Tecnico che comprende che sintetizzerà l’analisi condotta e i relativi risultati che saranno illustrati al Committente durante l’incontro di fine progetto.

• l’analisi e l’elaborazione dei dati acquisiti al fine di valutare le dispersioni dei differenti impianti in differenti condizioni e modalità di lavoro e dell’edificio;

• l’identificazione di possibili interventi mirati ad una razionalizzazione dei consumi energetici delle utenze analizzate;

• la valutazione economico/finanziaria dei possibili interventi valutando i risparmi conseguibili, gli investimenti e i relativi tempi di ammortamento.

TEMPI DI REALIZZAZIONE

Da 2 a 3 settimane, in funzione del numero di utenze da monitorare e delle condizioni di monitoraggio (gg feriali, festivi, pieno carico, bassa/alta stagione) e delle dimensioni dell’immobile.

COINVOLGIMENTO DI REFERENTI AZIENDALI

Si richiede, in fase sia di raccolta delle informazioni sia di redazione del Rapporto Tecnico, la disponibilità di:

• responsabile/i degli impianti monitorati;

• responsabile dello stabilimento;

• responsabile della manutenzione.