Luglio 4, 2014 Notizie 0 comment

Efficienza energetica: approvato recepimento Direttiva EED

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame definitivo lo schema di decreto per il recepimento della Direttiva Europea 2012/27/UE, detta “Direttiva EED”, che modifica e abroga le Direttive precedenti.

La Direttiva stabilisce le disposizioni da adottare, al fine di raggiungere nel 2020 un consumo energetico pari al 20% in meno rispetto alle proiezioni realizzate nel 2007.

Gli interventi più importanti riguardano la riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare pubblico, le modifiche al regime del Conto termico, il fondo nazionale per l’efficienza energetica e le sanzioni per i condomini che non adottano sistemi di termoregolazione e contabilizzazione.

In particolare si prevede un’elaborazione di programmi di interventi di medio-lungo termine per la riqualificazione energetica degli edifici sia pubblici sia privati e interventi annuali di riqualificazione energetica sugli immobili della Pubblica Amministrazione e da essa occupati per almeno il 3% annuo della superficie coperta climatizzata.

Diventa obbligatorio per le grandi imprese e per le imprese “energivore” l’esecuzione di una diagnosi di efficienza energetica nei siti ubicati sul territorio nazionale, da ripetersi ogni quattro anni. Gli esercenti dovranno fornire agli utenti contatori individuali che misurino con precisione il loro consumo effettivo e forniscano informazioni sul tempo effettivo d’uso. Non verrà più utilizzata la tariffa elettrica progressiva rispetto ai consumi e le componenti verranno adeguate ai costi dell’effettivo servizio. Un programma triennale di formazione ed informazione promuoverà l’uso efficiente dell’energia, in termini di sensibilizzazione delle Pmi all’esecuzione di diagnosi energetiche e all’utilizzo di strumenti incentivanti finalizzati all’installazione di tecnologie efficienti, incentivazione di comportamenti che contribuiscano a ridurre i consumi energetici dei dipendenti della pubblica amministrazione. Verranno promossi contratti di prestazione energetica e introdotte misure di semplificazione volte a promuovere l’efficienza energetica.

Merita attenzione l’istituzione di un Fondo nazionale per l’efficienza energetica. Il Fondo si occuperà della concessione di garanzie e dell’erogazione di finanziamenti a beneficio di interventi volti alla riqualificazione energetica degli edifici pubblici e non, alla realizzazione di reti per il teleriscaldamento ed il teleraffrescamento, per l’efficientamento dei servizi di interi edifici o per ridurre i consumi energetici nei processi industriali.

 

schema_dlgs_direttiva_efficienza