Facci sapere se ci andrai

Giovedì 25 marzo alle 18 sui canali Facebook e LinkedIn di ASACERT nuovo appuntamento con Milano Sostenibile.

Si parlerà di Environmental, Social, Governance (ESG), legati alle policy per investimenti responsabili (IR). Una finanza che finalmente considera aspetti di natura ambientale, sociale e di governance.

Ospiti e relatori dell’incontro:

Irene Monasterolo, dirigente Gruppo Finanza Sostenibile – Vienna University of Economics, ricercatore Boston University

Elisa Giuliani, Prof. ordinario Dipartimento di Economia e Management – Università Normale di Pisa, Responsible Management Research Center

Luca Dal Fabbro, Adj. Professor della Luiss, Presidente Istituto Europeo ESG, Vicepresidente Circular economy network

Giuseppe Battaglia, Imprenditore esperto di comunicazione e relazioni sociali

Fabrizio Capaccioli, Managing Director ASACERT, Vicepresidente GBC Italia e ideatore del format Milano Sostenibile

La moderazione sarà a cura di Silvia Camisasca, fisica e giornalista di Avvenire e L’Osservatore Romano.

I prestigiosi ospiti della serata si confronteranno sui temi della finanza sostenibile, sui nuovi criteri valutativi che permettono di misurare la capacità delle aziende di aderire a quegli standard considerati imprescindibili per uno sviluppo sostenibile dell’imprenditoria e della finanza del futuro gli ESG, appunto.

Di questo e molto altro si parlerà il 25 marzo nel nuovo incontro del ciclo Milano Sostenibile.

Link all’articolo originale

Fonte: Repubblica.it (Ed. Milano)

22/12/202. Il Superbonus al 110% è senz’altro “un’arma straordinaria” nelle nostre mani, uno strumento per rilanciare interi settori dell’economia.

Ovviamente da solo non può bastare, per questo occorre capire come farlo funzionare al meglio e come incastonarlo in ambito europeo. Anche perché, da qui ai prossimi anni, attraverso il Next Generation EU, dovremo stabilire non solo il nostro futuro, ma anche quello delle prossime generazioni.

E proprio il Next Generation EU, o Recovery Fund come molti lo chiamano, è un tema centrale nella strategia dell’Unione Europa e dell’Italia, sia per il rilancio dell’economia dopo la crisi pandemica sia per realizzare concretamente gli obiettivi ambiziosi del Green Deal.

Riflessioni queste che sono state al centro dell’evento online “Dal Superbonus alla finanza green” organizzato da Green Building Council (GBC) Italia e a cui hanno assistito otre 2300 spettatori.

Al webinar, avviato dal Presidente Marco Mari, hanno partecipato anche il Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, e l’economista Carlo Cottarelli.

Il vice presidente di GBC Italia Fabrizio Capaccioli ha chiuso i lavori ricordando che il Climate finance è uno strumento imprescindibile per contrastare il cambiamento climatico.

«Bisogna guardare all’edificio in maniera organica ed olistica. GBC Italia ha radici solide. I nostri standard si ispirano a quelli americani e sono molto robusti. Vorremmo essere un punto di riferimento per il futuro per le politiche energetico ambientali sia per lo sviluppo sia per la diffusione di questi principi».

Occorre certificare che le proposte che verranno fatte in Italia, ma anche negli altri Paesi, per il Next Generation EU abbiano una effettiva validità per la transizione energetica, il contrasto al cambiamento climatico e la creazione di un modello di sviluppo davvero sostenibile per l’Europa.

Link all’articolo originale

Fonte: Milano.zone

 

Green Building Council Italia: la voce chiara e forte dell’edilizia

Nell’incontro virtuale organizzato dal Green Building Council Italia, che ha visto la partecipazione di rappresentanti strategici del comparto e di oltre 2.300 persone collegate, sono stati toccati tutti i temi inerenti la buona pratica dell’edilizia: la riconversione in chiave green, il peso dell’aspetto economico per attuare i cambiamenti necessari, il ruolo del sostegno politico e normativo, le strategie e le proposte europee. Un incontro, dunque, che ha fatto chiarezza e ha messo a fuoco gli obiettivi perseguibili per ottenere risultati significativi in linea con i canoni dell’emergenza ambientale che viviamo. Migliorare le prestazioni energetico-ambientali degli edifici con l’obiettivo di ridurre le emissioni, promuovere la digitalizzazione e migliorare il riuso e il riciclo dei materiali per l’edilizia sono, in sintesi, i cardini della strategia proposta dalla Commissione europea che sono stati approfonditi.

È stato il vice-Presidente di GBC Italia Fabrizio Capaccioli ha chiudere i lavori ricordando che il «Climate finance» sia uno strumento irrinunciabile e strategico per dare risposte importanti all’emergenza del cambiamento climatico. “Bisogna guardare all’edificio in maniera organica ed olistica. GBC Italia ha radici solide. I nostri standard si ispirano a quelli americani e sono molto robusti. Vorremmo essere un punto di riferimento per il futuro per le politiche energetico ambientali sia per lo sviluppo sia per la diffusione di questi principi”.

Non bisogna perdere di vista l’importanza che le proposte che si presenteranno per il Next Generation EU siano praticabili ed efficaci a garantire la transizione energetica, il contrasto al cambiamento climatico e la creazione di un modello di sviluppo davvero sostenibile per l’Europa.

Link all’articolo originale

Fonte: Protectaweb.it

ECONOMIA – evento promosso da Gbc Italia “Dal Superbonus alla Finanza Green”. Ore 14,00. Partecipano, tra gli altri, David Sassoli, presidente del Parlamento Europeo; Carlo Cottarelli, economista. In streaming.

Red-

(RADIOCOR) 18-12-20 12:43:06 (0321) 5 NNNN

Link all’articol originale

Fonte: Borsaitaliana.it

L’evento è promosso da GBC Italia per favorire la convergenza tra indirizzi di politica europea e di paese per una decisa transizione ad una strutturata finanza green.

ASACERT parteciperà con il suo MD Fabrizio Capaccioli, in qualità di Vicepresidente del Green Building Council Italia, che dichiara: “Un appuntamento importante, perché parleremo di temi che cambieranno la qualità della vita di milioni di persone. Riqualificare il patrimonio immobiliare del nostro paese, significa migliorare, le nostre città nel loro complesso, la qualità della vita e la salubrità di chi ci vive, interventi importanti che necessitano di essere affrontati con una pianificazione finanziaria sostenibile ed efficace.”

Un focus sul mondo dell’edilizia sostenibile e un approccio finanziario davvero green, saranno i temi sviluppati da un panel autorevole, espressione del mondo della cultura e delle istituzioni europee e italiane, modera Fulvio Giuliani, Caporedattore di RTL102.5:

– Marco Mari – Presidente GBC Italia

– Fabrizio Capaccioli – Vicepresidente GBC Italia

– David Maria Sassoli – Presidente del Parlamento Europeo

– Fabio Massimo Castaldo – Vicepresidente del Parlamento Europeo

– Carlo Cottarelli – Direttore Osservatorio Conti Pubblici Italiani dell’Università Cattolica di Milano, Economista ed editorialista

– Eleonora Evi – Europarlamentare Membro Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare

– Salvatore Margiotta – Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

– Alfonso Pecoraro Scanio – Presidente Fondazione UniVerde

– Claudia Segre – Direttore Observatory on Fintech for Sustainability (Global Thinking Foundation)

Link all’articolo originale

Fonte: Requadro.com

Nel quadro del Green Deal e di Next Generation la Commissione sosterrà un grande piano di rinnovamento proprio per l’edilizia: la Renovation Wave. Si tratta di raddoppiare il tasso di rinnovamento nei prossimi 10 anni per ridurre le emissioni, stimolare la ripresa, ridurre la povertà energetica.

Al webinar di GBC Italia, “Dal Superbonus alla finanza green”, si è parlato della strategia della Commissione europea per migliorare le prestazioni energetico-ambientali degli edifici con l’obiettivo di ridurre le emissioni, promuovere la digitalizzazione e migliorare il riuso e il riciclo dei materiali per l’edilizia.

La Renovation Wave europea prevede che ben 35 milioni di edifici potrebbero essere ristrutturati entro il 2030, migliorando la qualità della vita dei cittadini, garantendo ambienti più salubri e creando 160 mila posti di lavoro. Una sfida per la pubblica amministrazione, gli investitori, i professionisti e le imprese delle costruzioni green.

Occorre che le proposte che verranno fatte in Italia, ma anche negli altri Paesi, per il Next Generation EU abbiano un’effettiva validità per la transizione energetica, il contrasto al cambiamento climatico e la creazione di un modello di sviluppo davvero sostenibile per l’Europa. QUI il dibattito in diretta su FB

Fabrizio Capaccioli | Vice presidente di GBC Italia

«Il climate finance è uno strumento imprescindibile per contrastare il cambiamento climatico. bisogna guardare all’edificio in maniera organica ed olistica. Gbc Italia ha radici solide. i nostri standard s’ispirano a quelli americani e sono molto robusti. vorremmo essere un punto di riferimento per le politiche energetico ambientali sia per lo sviluppo sia per la diffusione di questi principi».

Venerdì 18 dicembre evento digitale “Dal superbonus alla finanza green” organizzato da GBC Italia. entro il 2030, 35 milioni di edifici potrebbero essere ristrutturati, migliorando la qualità della vita dei cittadini e producendo fino a 160mila posti di lavoro

Ci saranno anche il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e l’economista Carlo Cottarelli tra gli ospiti dell’evento digitale “Dal superbonus alla finanza green” organizzato da Green Building Council Italia (GBC Italia), a partire dalle 14 di domani, con una diretta streaming sui canali Facebook ASACERT e GBC Italia

La tavola rotonda

“Dal superbonus alla finanza green”  offrirà un focus sul mondo dell’edilizia sostenibile e un approccio finanziario davvero green, attraverso le voci di personaggi espressione del mondo della cultura e delle istituzioni europee e italiane. Oltre al presidente del Parlamento europeo David Sassoli e all’economista Carlo Cottarelli, parteciperanno all’evento Fabrizio Capaccioli, MD di   ASACERT(istituto di ispezione, certificazione, valutazione e formazione) e Vicepresidente del Green Building Council Italia; insieme a Capaccioli, il presidente di GBC Italia Marco Mari, il vicepresidente del parlamento europeo Fabio Massimo Castaldo, l’europarlamentare Eleonora Evi, il sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e trasporti Salvatore Margiotta, Alfonso Pecoraro Scanio, Presidente Fondazione Univerde, e Claudia Segre Dir. Global Thinking Foundation, che parteciperanno a una tavola rotonda moderata da Fulvio Giuliani, Caporedattore RTL102.5.

Link all’articolo originale

Fonte: Ambienteambienti.com

 

 

 22/12/2020. Il Superbonus al 110% è senz’altro “un’arma straordinaria” nelle nostre mani, uno strumento per rilanciare interi settori dell’economia.

Ovviamente da solo non può bastare, per questo occorre capire come farlo funzionare al meglio e come incastonarlo in ambito europeo. Anche perché, da qui ai prossimi anni, attraverso il Next Generation EU, dovremo stabilire non solo il nostro futuro, ma anche quello delle prossime generazioni. 

E proprio il Next Generation EU, o Recovery Fund come molti lo chiamano, è un tema centrale nella strategia dell’Unione Europa e dell’Italia, sia per il rilancio dell’economia dopo la crisi pandemica sia per realizzare concretamente gli obiettivi ambiziosi del Green Deal.

Riflessioni queste che sono state al centro dell’evento online “Dal Superbonus alla finanza green” organizzato da Green Building Council (GBC) Italia e a cui hanno assistito otre 2300 spettatori.

Al webinar, avviato dal Presidente Marco Mari, hanno partecipato anche il Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, e l’economista Carlo Cottarelli.

Il vice presidente di GBC Italia Fabrizio Capaccioli ha chiuso i lavori ricordando che il Climate finance è uno strumento imprescindibile per contrastare il cambiamento climatico.

«Bisogna guardare all’edificio in maniera organica ed olistica. GBC Italia ha radici solide. I nostri standard si ispirano a quelli americani e sono molto robusti. Vorremmo essere un punto di riferimento per il futuro per le politiche energetico ambientali sia per lo sviluppo sia per la diffusione di questi principi».

Occorre certificare che le proposte che verranno fatte in Italia, ma anche negli altri Paesi, per il Next Generation EU abbiano una effettiva validità per la transizione energetica, il contrasto al cambiamento climatico e la creazione di un modello di sviluppo davvero sostenibile per l’Europa.

Link all’articolo originale

Fonte: Ingenio-web.it

Dicembre 19, 2020

Occorre certificare gli edifici. E le proposte che verranno fatte in Italia e negli altri Paesi per il Next Generation EU, devono ottenere una effettiva validità per la transizione energetica, il contrasto al cambiamento climatico e la creazione di un modello di sviluppo davvero sostenibile per l’Europa. È il leitmotiv che ha accompagnato il webinar, a cui hanno partecipato oltre 2.300 persone, di Gbc Italia. Un evento di alto livello, che ha visto la partecipazione anche del Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, e dell’economista Carlo Cottarelli.

Il tema al centro della discussione è stata la strategia della Commissione europea per migliorare le prestazioni energetico-ambientali degli edifici con l’obiettivo di ridurre le emissioni, promuovere la digitalizzazione e migliorare il riuso e il riciclo dei materiali per l’edilizia.

Webinar chiuso dal vice presidente di Gbc Italia Fabrizio Capaccioli: “Bisogna guardare all’edificio in maniera organica ed olistica. Gbc Italia ha radici solide. I nostri standard si ispirano a quelli americani e sono molto robusti. Vorremmo essere un punto di riferimento per il futuro per le politiche energetico ambientali sia per lo sviluppo sia per la diffusione di questi principi”.

Link all’articolo originale

Fonte: Youtradeweb.com

All’evento hanno partecipato anche il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e l’economista Carlo Cottarelli

Oltre 2.300 persone collegate al webinar di GBC Italia Dal Superbonus alla finanza green, dove erano presenti anche il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli e l’economista Carlo Cottarelli. Si è parlato della strategia della Commissione europea per migliorare le prestazioni energetico-ambientali degli edifici con l’obiettivo di ridurre le emissioni, promuovere la digitalizzazione e migliorare il riuso e il riciclo dei materiali per l’edilizia. I lavori si sono aperti con i saluti introduttivi del presidente di GBC Italia Marco Mari: “GBC Italia nasce per favorire lo sviluppo dell’unico futuro per noi possibile, per garantire un ambiente costruito salubre, sostenibile e resiliente per tutti. Siamo dunque perfettamente in linea con la richiesta che oggi leggiamo dall’Europa e che, partendo dall’attuale crisi, va ben oltre e impone ai paesi membri un piano strategico di sviluppo che internalizza l’obiettivo della sostenibilità e della decarbonizzazione in tutte le politiche di settore”.

Link all’articolo originale

Fonte: Ilqi.it

(Il Quotidiano Immobiliare)

Ricevi la newsletter per essere sempre aggiornato sulle ultime novità dal mondo ASACERT!

ISCRIVITI

Holler Box
× Contattaci su Whatsapp