Agosto 11, 2020 Notizie, Web 0 comment

ASACERT PER LA CULTURA – La festa del giorno dopo [FOTO GALLERY]

Giovedì 30 Luglio il Romanzo di Fabrizio Vangelista “La festa del giorno dopo”, è stato il protagonista dell’aperitivo culturale nella suggestiva sede di ASACERT – Assessment & Certification.

Un segno di fiducia e di speranza per il futuro, un incoraggiamento per credere nel valore aggregante e sublimante dell’arte, in questo caso dell’arte di scrivere e raccontare. Un modo per uscire dalla cupa stagione alle nostre spalle, seppur nel pieno rispetto delle normative anti-assembramento, l’aperitivo culturale organizzato e promosso da ASACERT nell’ambito delle iniziative per il Sociale, l’Arte e la Cultura. Un impegno che ha radici salde nella filosofia del miglioramento continuo dell’individuo, in cui l’Ente che opera in tutto il mondo con le sue attività professionali, crede fermamente.

L’importanza fondamentale della cultura per il benessere delle persone e per lo sviluppo delle comunità, promuovere nuove forme di partecipazione alla vita culturale e di rigenerazione delle identità locali è ciò in cui crediamo. Siamo convinti che valga sempre la pena promuovere la cultura dell’investire in cultura. Le arti hanno sempre rappresentato nei  periodi più bui dell’umanità una luce di speranza e, oggi più che mai, abbiamo bisogno di prenderci cura del nostro spirito, di nutrirlo con quanto di bello l’uomo è in grado di  produrre per renderlo beneficio a disposizione di una platea sempre maggiore.” Il pensiero di Fabrizio Capaccioli, padrone di casa e AD di ASACERT.

Il Romanzo è ambientato nella Milano di periferia, delle case di ringhiera, quella popolare e vera. Si svolge in un arco temporale di sole 24 ore, sufficienti per indagare sapientemente e mai banalmente uno spaccato di vita quotidiana fatta di problemi, difficoltà, ma anche di enorme generosità.

L’autore si è generosamente dedicato alla firma delle copie del romanzo per i lettori presenti, foto, selfie e atmosfera informale e gioviale hanno reso l’evento sentito e partecipato, perché la cultura è davvero patrimonio di tutti.

 

“Un uomo colto ha sempre con sé la sua ricchezza.”
 Fedro